Le News di M&B Consulting

Tutte le Novità nel campo Immobiliare

I Pir risvegliano il settore immobiliare

I piani di risparmio individiuali per l'imobiliare sono entrati nella bozza (in lavorazione) del Ddl di bilancio che i tecnici stanno mettendo a punto prima dell’invio al Senato.

pir immobiliareUna vera e propria boccata di ossigeno per un mercato in ripresa. E' così che il settore immobiliare sta vivendo la novità del Ddl di bilancio sull'estensione dei Pir alle società real estate (precedentemente escluse dal legislatore). Una iniezione di risorse, che se verrà approvata dal Senato, potrebbe davvero dare slancio a un settore in modalità riavvio.

Al punto che la novità ha già dato sprint a tutti i titoli del settore a Piazza Affari, che hanno aperto la settimana con dei significativi segni più: Aedes +4,63%, Coima res +2,1%, Beni Stabili Siiq +2,16%, Igd +1,7%.

Certo è che la torta dei Pir è ricca, dato che solo nei primi sei mesi dal debutto sono stati raccolti 5,3 miliardi di euro (con stime di crescita fino a quota 70 miliardi in cinque anni), ed è sufficiente che una piccola fetta finisca ai titoli del comparto immobiliare (tutti a ridotta capitalizzazione) per spingerne in alto le quotazioni. Resta da capire se davvero il legislatore vorrà porre fine a un’esclusione ingiustificata, invertendo la rotta rispetto alla politica vessatoria verso l’immobiliare seguita negli ultimi anni.

Di fatto, come sostiene Silvia Rovere, presidente di Assoimmobiliare «questa innovazione sarà un importante contributo alla liquidità del settore quotato, contributo che potrebbe ridurre anche lo sconto sul Nav di Siiq (società di investimento immobiliare quotate) e fondi. E se la ratio della norma dei Pir è trasferire risparmio privato allo sviluppo economico del Paese, escludere a priori il real estate significa non comprendere il contributo di tale industria. Anche secondo Mediobanca Securities, «se i Pir potranno investire nelle società del real estate, tutto il settore ne trarrà beneficio, e in particolare Beni Stabili, Igd e Coima Res, che offrono valutazioni interessanti e buoni dividend yield».

Ora non resta che aspettare e vedere se davvero il legislatore vorrà porre fine a un’esclusione ingiustificata, invertendo la rotta rispetto alla politica vessatoria verso l’immobiliare seguita negli ultimi anni.
Vota:
Riscaldamento: ecco i 10 consigli di Enea per risp...
Mutui, «Sì» ai tassi di usura. Per la Cassazione v...

Area Utenti

Nuovi Articoli

«Non è ancora il momento di cedere a facili allarmismi». Parola di Ivano Cresto, Responsabile mutui di Facile.itAd avere più paura delle possibili conseguenze della «febbre» dei rendimenti dei titoli di Stato sono i residenti nel Sud e nelle Isole. I...
C'è tempo fino al 17 dicembre per versare la seconda rata delle tasse sulla casa. La prima rata della tassa sulla casa è stata corrisposta a giugno 2018 secondo le aliquote stabilite dai Comuni nel 2017, mentre per la seconda rata bisognerà fai i con...

Articoli Più Letti

Le News Immobiliari di M&B Consulting
Se si mette in vendita una casa acquistata in edilizia agevolata al prezzo di mercato, scatta l'affrancazione dal vincolo. Mentre solo il Comune con apposita delibera può concedere di convertire ...
Le News Immobiliari di M&B Consulting
La dichiarazione precompilata è già online sul sito dell'Agenzia delle Entrate. Sarà editabile dal prossimo 2 maggio.  I compensi pagati a soggetti di intermediazione per l'acquisto di un immobi...

La nostra Mission

M&B Consulting nasce nel 2004 con l’obbiettivo di semplificare e velocizzare i processi di vendita immobiliare, in risposta alle ormai mutate esigenze di mercato.

Attraverso un team di professionisti altamente qualificati, un canale di news dedicato e una piattaforma online all’avanguardia eroga servizi di consulenza innovativi e personalizzati per la gestione di pratiche immobiliari, patrimoniali e societarie.

Seguici su