Le News di M&B Consulting

Tutte le Novità nel campo Immobiliare

Bonus pubblicità 2018: utilizzabile già da quest'anno

Cos'è e come funziona: tutto quello che c'è da sapere per avere molto di più di un ritorno di immagine dalla tua pubblicità. 

articolo bonus pubblicità

Da oggi chi investe in pubblicità avrà molto di più di un ritorno di immagine. L’articolo 57-bis della Manovra correttiva 2017 (D.L. n. 50/2017) ha previsto infatti un credito di imposta del 75% o del 90% per l’acquisto di spazi pubblicitari. E la buona notizia è che c’è ancora tempo fino al 31 dicembre per beneficiarne sulla prossima dichiarazione dei redditi.

Il bonus pubblicità 2018 è un importante incentivo per imprese e professionisti che vogliono investire per far conoscere la propria attività. E, a discapito di quanto si pensava, è utilizzabile già da quest’anno: come indicato nel decreto 148/2017 pubblicato lo scorso 16 ottobre in Gazzetta Ufficiale, l’agevolazione è in vigore per tutte le spese sostenute nel periodo compreso tra il 24 giugno al 31 dicembre 2017. Mentre per il 2018 varranno tutti gli investimenti effettuati nel 2017.

L’articolo 4 del decreto 148/2017 stabilisce infatti che il bonus sia finanziato con 62,5 milioni di euro per l’anno 2018. Una quota di questa somma, pari a 20 milioni di euro, finanzierà l’incentivo per il 2017.
 
La norma prevede che a beneficiare degli incentivi, saranno imprese e i lavoratori autonomi che investono in campagne pubblicitarie almeno l’1% in più dell’anno precedente. L’importo del credito è pari al 75% per tutti e viene innalzato al 90% nel caso di piccole e medie imprese, microimprese e start up innovative.

Come calcolare l’incremento:
- Individuare l’ammontare degli investimenti pubblicitari sostenuti dall’entrata in vigore della legge di conversione (24 giugno 2017);
- Comprovare l’effettivo sostenimento: sarà utile analizzare il piano dei conti della società e le fatture di acquisto dei servizi pubblicitari;
- Riclassificare i costi in funzione del canale mediatico attraverso il quale la pubblicità è stata diffusa;
- Effettuare la stessa analisi per gli analoghi investimenti sostenuti nell’anno precedente;
- Comparare i valori dei due esercizi, determinando l’incremento dell’1%;
- Presentare l’istanza di fruizione del credito;
- Contabilizzare il credito nell’esercizio di competenza dei costi;
- Utilizzare il credito in compensazione tenendo conto dell’eventuale decorrenza della sua fruizione.

Esempio A - La Alfa srl ha effettuato nell’anno n spese pubblicitarie per un importo pari a € 20.000. Per poter usufruire del bonus pubblicità nell’anno n + 1 deve sostenere almeno un importo pari a € 20.200 (20.000 + 1%). Ipotizzando che nell’anno n + 1 ha effettuato spese pubblicitarie per € 27.000 il credito d’imposta alla stessa spettante risulta pari a € 5.250 [(27.000 – 20.000) x 75%].

Esempio B - Se nel 2017 l’azienda Gamma ha sostenuto spese pubblicitarie in TV pari a 50.000 €, per poter godere dell’agevolazione sarà necessario che nel 2018 l’azienda investa 51.000 €. Il credito di imposta sarà calcolato sui 1000 € aggiuntivi di spesa applicando l’aliquota agevolata del 75% oppure quella ancora più vantaggiosa del 90% nell’ipotesi in cui l’azienda Gamma fosse una Start-up innovativa, o una microimpresa o una piccola o media impresa.



La tua pubblicità su M&B Consulting

Compili il form sottostante e la contatteremo quanto prima

Input non valido
Input non valido
Indirizzo e-mail non valido

Vota:
Imu e Tasi: scattano le sanzioni per il mancato pa...
Tasse ipotecarie e tributi speciali catastali: arr...

Area Utenti

Nuovi Articoli

«Non è ancora il momento di cedere a facili allarmismi». Parola di Ivano Cresto, Responsabile mutui di Facile.itAd avere più paura delle possibili conseguenze della «febbre» dei rendimenti dei titoli di Stato sono i residenti nel Sud e nelle Isole. I...
C'è tempo fino al 17 dicembre per versare la seconda rata delle tasse sulla casa. La prima rata della tassa sulla casa è stata corrisposta a giugno 2018 secondo le aliquote stabilite dai Comuni nel 2017, mentre per la seconda rata bisognerà fai i con...

Articoli Più Letti

Le News Immobiliari di M&B Consulting
Se si mette in vendita una casa acquistata in edilizia agevolata al prezzo di mercato, scatta l'affrancazione dal vincolo. Mentre solo il Comune con apposita delibera può concedere di convertire ...
Le News Immobiliari di M&B Consulting
Passaggi di proprietà, bonifici e donazioni: ecco quando è necessario il rogito notarile e quando vanno pagate le imposte sulle donazioni. La Cassazione ha stabilito che la donazione di una somma di ...

La nostra Mission

M&B Consulting nasce nel 2004 con l’obbiettivo di semplificare e velocizzare i processi di vendita immobiliare, in risposta alle ormai mutate esigenze di mercato.

Attraverso un team di professionisti altamente qualificati, un canale di news dedicato e una piattaforma online all’avanguardia eroga servizi di consulenza innovativi e personalizzati per la gestione di pratiche immobiliari, patrimoniali e societarie.

Seguici su