Le News di M&B Consulting

Tutte le Novità nel campo Immobiliare

Mutui, le banche ora finanziano più dell'80% del capitale

Ecco la strategia adottata dagli Istituti di credito per fronteggiare la crisi.

banca

Banche a caccia di mutuari. Da finanziare per importi che vanno oltre l'80% del valore d'acquisto dell'immobile.
Potrebbe sembrare paradossale. A fronte soprattutto delle difficoltà che vaste fasce di famiglie italiane hanno avuto per accedere ai prestiti per la casa durante la crisi finanziaria. E che, in parte, continuano a incontrare anche ora. Eppure la realtà - stando all'intervista a Stefano Rossini, a.d. di MutuiSupermarket.it, riportata da Il Sole 24 ore - è proprio questa.
 
Come sottolineato da Rossini, infatti, si sta assistendo a un «ritorno di interesse per l’offerta di mutui di acquisto che vanno a finanziare oltre l’80% del valore dell’immobile oggetto di acquisto». Questo perchè per fronteggiare una domanda in contrazione, tra le leve a disposizione degli istituti di credito - divenuta quella del prezzo (ossia dello spread praticato su Euribor o Irs) poco appetibile visti i livelli limite raggiunti - restano pubblicità e promozione, incentivazione dei canali distributivi, miglioramento dei processi di vendita e istruttoria, ma soprattutto l’estensione della gamma di prodotto e l’allargamento delle politiche di credito.

Il riferimento va ai prodotti a elevata percentuale di intervento o loan-to-value (Ltv), categoria molto popolare negli anni del boom tanto da valere circa il 15% degli erogati e successivamente ridimensionata fino attorno al 4-6% per via della sua maggior rischiosità. Ma che adesso sembra riprendere un certo vigore, alla luce della nuova fase di mercato e dei dati incoraggianti su crescita e occupazione.

«Non è un caso infatti se negli ultimi trimestri da un valore medio oscillante attorno al 62-64% il loan-to-value medio sia progressivamente di nuovo risalito a livelli superiori al 70%», nota ancora Rossini, che indica Cariparma, Mps, Intesa Sanpaolo e Bnl fra i più attivi su questo segmento, talvolta anche con prodotti a tasso variabile con cap. Al momento le banche sembrano voler aggredire soprattutto la fascia di prodotti che finanzia una quota compresa fra l’80% e il 90%, che storicamente presenta tassi di default ancora relativamente accettabili e attorno al 2 per cento.
E mirano in particolare a quei privati o famiglie che hanno sì merito creditizio (per tipo di contratto di lavoro, anzianità lavorativa e redditi mensili netti) ma non possono fare affidamento su risparmi accumulati negli anni o su aiuti esterni per coprire quel minimo del 20% del valore dell’immobile (pari a 42mila euro, visto che il valore medio dell’abitazione offerta in garanzia per il mutuo è di 210mila euro) in modo da avere accesso alle offerte standard.

Si tratta quindi di una sorta di «rischio calcolato» per gli istituti di credito, che ancora si avventurano mal volentieri su percentuali di finanziamento oltre il 90%, proprio perché oltre tali livelli la probabilità di non essere rimborsati cresce in misura rilevante. E che in ogni caso viene ben remunerato da parte del cliente sotto forma di spread, che secondo le rilevazioni di MutuiSupermarket.it sono mediamente più elevati di 40 punti base per i variabili e di 100 punti per i fissi rispetto a quelli praticati sulle offerte con Ltv «normale». Per molti insomma, ma comunque non per tutti.
Vota:
Ecco le tiny house per i "Millenials" che vogliono...
Milano, Fondazione Prada apre la sua nuova Torre

Articoli Collegati

Area Utenti

Nuovi Articoli

«Non è ancora il momento di cedere a facili allarmismi». Parola di Ivano Cresto, Responsabile mutui di Facile.itAd avere più paura delle possibili conseguenze della «febbre» dei rendimenti dei titoli di Stato sono i residenti nel Sud e nelle Isole. I...
C'è tempo fino al 17 dicembre per versare la seconda rata delle tasse sulla casa. La prima rata della tassa sulla casa è stata corrisposta a giugno 2018 secondo le aliquote stabilite dai Comuni nel 2017, mentre per la seconda rata bisognerà fai i con...

Articoli Più Letti

Le News Immobiliari di M&B Consulting
Se si mette in vendita una casa acquistata in edilizia agevolata al prezzo di mercato, scatta l'affrancazione dal vincolo. Mentre solo il Comune con apposita delibera può concedere di convertire ...
Le News Immobiliari di M&B Consulting
Passaggi di proprietà, bonifici e donazioni: ecco quando è necessario il rogito notarile e quando vanno pagate le imposte sulle donazioni. La Cassazione ha stabilito che la donazione di una somma di ...

La nostra Mission

M&B Consulting nasce nel 2004 con l’obbiettivo di semplificare e velocizzare i processi di vendita immobiliare, in risposta alle ormai mutate esigenze di mercato.

Attraverso un team di professionisti altamente qualificati, un canale di news dedicato e una piattaforma online all’avanguardia eroga servizi di consulenza innovativi e personalizzati per la gestione di pratiche immobiliari, patrimoniali e societarie.

Seguici su