Le News di M&B Consulting

Tutte le Novità nel campo Immobiliare

Affrancazione e diritto di proprietà: cosa sono e cosa comportano

Se si mette in vendita una casa acquistata in edilizia agevolata al prezzo di mercato, scatta l'affrancazione dal vincolo. 

affrancazionedirittodiproprietàdirittodisuperficie

L’intricata matassa dei Piani di zona di Roma, che per anni ha agitato la capitale e il suo hinterland (circa la possibilità di affrancarsi o cedere in proprietà le aree comprese nei Piani di zona già concesse in diritto di superficie ex art. 35 della legge 865/71; nonché di sostituire le convenzioni stipulate per la cessione della proprietà con i vincoli condizionanti il libero godimento degli immobili stessi), offre un interessante spunto per chiarire due casistiche molto spesso sovrapposte ma che hanno costi e procedure assolutamente diverse: l’Affrancazione e il Diritto di proprietà.
Vediamo insieme in cosa consistono e, soprattutto, cosa comportano.

Affrancazione: cos'è e quando scatta - Se in passato sei stato il primo ad acquistare un appartamento inserito in un piano di zona – ossia in un area soggetta a piani urbanistici particolareggiati regolarmente approvati – hai quasi sicuramente usufruito di agevolazioni di natura economica, siano esse sconti sul prezzo di acquisto rispetto al mercato e/o mutui a tassi agevolati.

I costi legati a queste agevolazioni sono stati al tempo sostenuti dal Comune o dalla Regione, in parte tramite un contributo diretto, in parte scontando al costruttore parte dei costi di urbanizzazione e concessione, al fine di avere un prezzo definitivo per l’acquirente notevolmente inferiore.

Ma cosa succederebbe se ora ti trovassi nella condizione di voler o dover vendere l’immobile acquistato in questo modo? Beh, esattamente come per i diamanti di una famosa pubblicità, anche una casa acquistata in regime di edilizia agevolata lo è per sempre.
Cosa significa questo? Semplice, che il beneficio iniziale (cioè lo sconto ottenuto sul prezzo di acquisto) non riguarda solo il primo compratore, ma deve essere trasferito anche ai successivi proprietari.

Di conseguenza al momento della vendita ci sono possibilità: o si vende la casa allo stesso prezzo agevolato (ovvero ai prezzi previsti sui contratti d’acquisto di quando ho acquistato casa, più le rivalutazioni di legge) oppure la si mette in vendita al prezzo di mercato. In questo caso però scatta l’affrancazione dal vincolo, per cui il proprietario è tenuto a corrispondere una somma al Comune in funzione della superficie dell’appartamento, tale da coprire l’investimento speso dall’ente al tempo.

Diritto di proprietà e diritto di superficie - Ora, cosa c’entra l’Affrancazione con il Diritto di Proprietà? In realtà nulla. Se non che può capitare che il Comune, oltre alle agevolazioni di cui abbiamo già parlato, preveda anche un’ulteriore fattore di convenienza: anziché cioè obbligare i costruttori ad acquistare il terreno (solitamente privato e quindi espropriato, o comunque comunale) su cui erigere le case, lo dà a loro in concessione per 99 anni (rinnovabili per ulteriori 99). Al termine di questo periodo il terreno (e ovviamente le case che vi sono costruite sopra) tornerà di proprietà del Comune.

Di conseguenza se si compra una casa su un terreno dato in concessione, non si acquista la proprietà piena (cioè non si ha diritto di proprietà), ma ma il diritto di occupare la superficie del terreno con la nostra casa per 99 anni a partire dalla data di concessione (quindi si gode del diritto di superficie).

Al termine del periodo della concessione, può capitare comunque che il Comune dia la possibilità, dietro pagamento di una somma contenuta e la stipula di un mini-rogito presso un notaio, di convertire il Diritto di superficie in Diritto di proprietà.

Affinché questo avvenga il piano di zona  deve essere inserito in una apposita delibera comunale. Vanno anche individuati i coefficienti per la determinazione dell’importo da corrispondere al Comune e un  ente/società incaricata della riscossione.

Vota:
Prezzo valore: ecco quando si applica e quali sono...
Bonus prima casa doppio: lo può avere chi affitta?

Articoli Collegati

Area Utenti

Nuovi Articoli

«Non è ancora il momento di cedere a facili allarmismi». Parola di Ivano Cresto, Responsabile mutui di Facile.itAd avere più paura delle possibili conseguenze della «febbre» dei rendimenti dei titoli di Stato sono i residenti nel Sud e nelle Isole. I...
C'è tempo fino al 17 dicembre per versare la seconda rata delle tasse sulla casa. La prima rata della tassa sulla casa è stata corrisposta a giugno 2018 secondo le aliquote stabilite dai Comuni nel 2017, mentre per la seconda rata bisognerà fai i con...

Articoli Più Letti

Le News Immobiliari di M&B Consulting
Se si mette in vendita una casa acquistata in edilizia agevolata al prezzo di mercato, scatta l'affrancazione dal vincolo. Mentre solo il Comune con apposita delibera può concedere di convertire ...
Le News Immobiliari di M&B Consulting
La dichiarazione precompilata è già online sul sito dell'Agenzia delle Entrate. Sarà editabile dal prossimo 2 maggio.  I compensi pagati a soggetti di intermediazione per l'acquisto di un immobi...

La nostra Mission

M&B Consulting nasce nel 2004 con l’obbiettivo di semplificare e velocizzare i processi di vendita immobiliare, in risposta alle ormai mutate esigenze di mercato.

Attraverso un team di professionisti altamente qualificati, un canale di news dedicato e una piattaforma online all’avanguardia eroga servizi di consulenza innovativi e personalizzati per la gestione di pratiche immobiliari, patrimoniali e societarie.

Seguici su