Le News di M&B Consulting

Tutte le Novità nel campo Immobiliare

Doppia CU e conguaglio fiscale

Il Doppio o triplo reddito certificato può portare a conguagli negativi per il contribuente in sede di presentazione del 730 o del Modello Redditi

730sito

Sempre più lavoratori concludono il proprio anno di lavoro con una pluralità di contratti firmati e periodi di lavoro ultimati: due, tre o più contratti a termine, contratti di collaborazione coordinata e continuativa (ex contratto a progetto), contratto a chiamata o intermittente. Ne consegue che l’anno successivo i lavoratori ricevono non uno ma più modelli Cud (CU – Certificazione Unica), da diversi datori di lavoro. Oppure una Certificazione Unica (ex modello CUD) dall’ex datore di lavoro e successivamente una Certificazione unica dei redditi dall’Inps, per coloro che ricevono l’indennità di disoccupazione, ora Naspi, ex Aspi o Mini Aspi.

Le conseguenze in termini fiscali possono essere pesanti, la sorpresa negativa può arrivare in sede di presentazione del modello 730 e di pagamento dell’imposte sul reddito, Irpef e addizionali regionale e comunale.

Da un paio d'anni il modello CUD è stato sostituito con il nuovo modello di Certificazione Unica dei redditi (CU). Nel nuovo modello CU, come in passato per il CUD, ci sono certificati i redditi conseguiti nell'anno d'imposta dello scorso anno. E le conseguenze del doppio o triplo reddito certificato possono portare a conguagli negativi per il contribuente in sede di presentazione del 730 o del Modello Redditi.
Ecco perché con due CU (ex CUD) scatta l'obbligo di presentare il 730 o del Modello Redditi.

Il datore di lavoro, però, idoneamente informato degli ulteriori redditi spettanti al lavoratore, può effettuare un corretto e preciso calcolo del conguaglio fiscale di fine anno. Il lavoratore deve farlo soprattutto se ha altri redditi (quindi più CU),  con la finalità di avere una corretta imposizione fiscale a fine anno e nelle buste paga dell’anno, evitando così di dover conguagliare la propria posizione fiscale in sede di dichiarazione dei redditi (con il 730 o il Modello Redditi) generando sulla propria persona pesanti imposte a saldo recuperabili direttamente tramite le buste paga.

---
A cura del Dott. Commercialista STEFANO CANNONI

Studio CM Associati - Dottori Commercialisti Revisori Legali

Sede di Merate (LC): Viale Verdi 59
Tel. +39-039-59.69.610- fax +39-031.27.48.058

Sede di Como (CO): Via Giovane Italia n. 9
Tel. +39-031-52.33.44- fax +39-031-27.48.058

Sede di Milano (Mi): Via g. B. Morgagni  n. 6
Linea Rossa M1 – Fermata LIMA


 Sito: www.studiocm.eu

 

Vota:
Poste Vita investirà 2,6 miliardi di euro nel matt...
L'Ue ha deciso: via libera alle nuove etichette en...

Area Utenti

Nuovi Articoli

«Non è ancora il momento di cedere a facili allarmismi». Parola di Ivano Cresto, Responsabile mutui di Facile.itAd avere più paura delle possibili conseguenze della «febbre» dei rendimenti dei titoli di Stato sono i residenti nel Sud e nelle Isole. I...
Denuncia affitto in nero senza prove: se l’Agenzia delle Entrate non ha documenti scritti non può contestare l’evasione fiscale. L'ha stabilito la sentenza n. 7750/18 della Commissione Tributaria Regionale del Lazio...

Articoli Più Letti

Le News Immobiliari di M&B Consulting
La dichiarazione precompilata è già online sul sito dell'Agenzia delle Entrate. Sarà editabile dal prossimo 2 maggio.  I compensi pagati a soggetti di intermediazione per l'acquisto di un immobi...
M&B LifeStyle
Materiali vecchi cent'anni e un design ultramoderno per un'abitazione 100% ecosostenibile. A progettarla lo studio di architettura di Jimmi Pianezzola. Per il momento è l'unica nel nostro paese reali...