cmutuo anticipatoE’ stato siglato il 31 marzo 2015 il tanto atteso accordo tra Abi (associazione bancaria italiana) e associazioni di consumatori, contenente la moratoria per i mutui 2015, ma ci vorranno ancora fino a due mesi.

La nuova moratoria sarà Concomitante con il Fondo di solidarietà già in vigore dal 2013, gestito da ministero dell’Economia e Consap, nato con lo stesso scopo, cioè permettere la sospensione delle rate per chi si trovi in difficoltà. Vediamo nel dettaglio cosa è cambiato.

Secondo le nuove disposizioni è possibile richiedere la sospensione della rata per un massimo di 12 mesi, solamente nel caso di mutui ipotecari per la prima casa o finanziamenti a persone fisiche di almeno 24 mesi con rate costanti (piano di ammortamento alla francese). La sospensione è valida anche nel caso di mutui o prestiti cartolarizzati (ossia ceduti dalla banca a terzi).

CHI VIENE ESCLUSO
Sono esclusi dalla possibilità di sospendere il mutuo o il finanziamento i seguenti casi:

- chi ha già fruito di altre agevolazioni statali
- chi si è già avvalso della sospensione per 12 mesi (se ci si è avvalsi di un periodo di sospensione inferiore a 12 mesi da più di due anni, si può richiedere una sospensione per il periodo di tempo rimanente per il raggiungimento dei 12 mesi complessivi)
- prestiti che prevedono la cessione del quinto dello stipendio o della pensione
- chi beneficia di un’assicurazione contro eventi che danno diritto a beneficiare della sospensione (ad esempio, la perdita del posto di lavoro)
- finanziamenti legati a carte di credito.
- Sono esclusi anche i mutuatari che abbiano maturato un ritardo nel pagamento delle rate superiore ai 90 giorni, o quelli per cui sia già scattata la cosiddetta decadenza del beneficio del termine
- E non ci sono spazi in tutti i casi in cui sia stata ormai decretata la risoluzione del contratto di mutuo o sia stata avviata una procedura esecutiva sull’immobile ipotecato.

CHI PUO' BENEFICIARNE
Gli eventi che danno diritto a richiedere la sospensione sono i seguenti:
- licenziamento, solamente nel caso di licenziamento per giusta causa, non nel caso di dimissioni volontarie, pensionamento,
licenziamento per giusta causa o giustificato motivo, risoluzione consensuale;
- cessazione di rapporto di collaborazione lavorativa, come i rapporti di rappresentanza commerciale, di agenzia, di collaborazione coordinata e continuativa, comunque non subordinati;
- sospensione dal lavoro o riduzione dell’orario lavorativo per almeno 30 giorni, CIG, CIGS, Cassa integrazione in deroga;
non autosufficienza o decesso;
Dopo questa decisione, alcune associazioni di consumatore si aspettano un allungamento dei tempi di sospensione delle rate per tre anni.
La sospensione può essere richiesta entro dicembre del 2017.

Dicono di noi

Facebook Page

L'Esperto Risponde

Buongiorno, In caso di donazione di usufrutto è necessaria la risoluzione di don...
circa 4 mesi fa 1 344
help
Started by Ospite
Buongiorno, un'agenzia immobiliare mi ha proposto l'acquisto di un appa...
circa 5 mesi fa 1 529
Mutuo
Started by Ospite
Buongiorno, la banca vuole intestare gli assegni provenienti dal mutuo solo ed e...
circa 6 mesi fa 1 592